Mercato

Le esportazioni in Brasile crescono nel mese di settembre

Grazie soprattutto a un incremento notevole di esportazioni di robusta il primo produttore mondiale ha registrato un record importante nel mese scorso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

SAO PAULO, 13 ottobre (Reuters) – Il Brasile nel mese di settembre, stando ai dati dell’associazione di esportatori della Cecafé di martedì, ha esportato 3,51 milioni di sacchi da 60 kg di caffè verde, l’11,5% in più rispetto all’anno precedente, con un incremento insolito di robusta che ne ha determinato l’accelerazione.

Le esportazioni di robusta hanno infatti raggiunto i 672.465 sacchi a settembre, il 93% in più rispetto allo stesso mese dell’anno precedente e la più grande quantità mai registrata in un singolo mese.

Robusta e svalutazione del Real brasiliano tra le principali cause di questa esplosione


Il Brasile, il più grande produttore ed esportatore di caffè al mondo, è normalmente associato al mercato dell’arabica, ma la produzione di robusta, largamente utilizzata dall’industria del caffè solubile, è aumentata molto negli ultimi anni. Il raccolto Robusta brasiliano del 2020 è il secondo più abbondante mai registrato con 14,25 milioni di sacchi, secondo quanto riportato dal governo.

I produttori di Robusta stanno sfruttando l’opportunità di una valuta locale più debole che ha perso quasi il 40% del suo valore rispetto al dollaro USA quest’anno.

Anche le esportazioni di caffè arabica sono state consistenti a settembre con 2,84 milioni di sacchi, ma solo l’1,4% in più rispetto ai volumi visti nello stesso periodo dell’anno precedente.

Cecafe ha aggiunto che la scarsa disponibilità di container e di spazio sulle navi ha impedito un aumento anche maggiore delle esportazioni, aggiungendo che, includendo le vendite di caffè solubile e tostato all’estero, le esportazioni totali di caffè del Brasile hanno raggiunto 3,8 milioni di sacchi, segnando un record per il mese di settembre.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Leggi altri articoli