Flash News

illy presenta la nuova illy Art Collection dedicata a Biennale Arte 2022

La nuova illy Art Collection di illycaffè dedicata a Biennale Arte 2022 è ispirata al tema della 59° Esposizione Internazionale d’Arte, Il latte dei sogni.

A firmare questa nuova collezione sono sei artisti profondamente diversi per stile e origine geografica scelti da Cecilia Alemani, curatrice di questa edizione della Biennale Arte. Si tratta dell’appena insignita del Leone d’Oro alla carriera Cecilia Vicuña, di Felipe Baeza, Giulia Cenci, Precious Okoyomon, Alexandra Pirici e Aki Sasamoto. Infondendo in ciascuna tazzina l’estro della propria arte, i sei artisti danno vita a una collezione unica che riunisce in sé approcci diversi, dalla scultura alla pittura, passando per la poesia, la fotografia e la coreografia.

La illy Art Collection prende spunto dal tema di Biennale Arte 2022Il latte dei sogni“, che si ispira al titolo del libro di Leonora Carrington, in cui la scrittrice e pittrice britannica descrive un mondo magico nel quale la vita viene costantemente reinventata attraverso il prisma dell’immaginazione e nel quale è concesso cambiare, trasformarsi e diventare altro da sé.

Pur basandosi su una forma così iconica come quella della tazzina illy, ciascun artista ha saputo trasformare questo piccolo oggetto quotidiano in una finestra sul proprio immaginario. Mi piace pensare che chi terrà in mano queste tazzine sentirà l’artista come un compagno di un viaggio immaginario, sviluppando giorno dopo giorno una relazione intima e personalissima con ognuna di queste menti visionarie,” spiega Cecilia Alemani, curatrice della Biennale Arte 2022.

La nuova collezione dedicata alla 59. Esposizione Internazionale d’Arte segna anche un importante traguardo: le iconiche tazzine, che hanno trasformato un oggetto quotidiano in una tela bianca sulla quale, negli anni, si sono cimentati grandi artisti di fama internazionale, compiono 30 anni. Per celebrare l’evento, in occasione di Biennale Arte 2022, dal 20 aprile al 30 giugno ai Giardini Reali di Venezia sarà possibile vedere la mostra che ripercorre le tappe salienti dei 30 anni delle illy Art Collection.

Questa illy Art Collection interpreta al meglio il legame di illycaffè con il mondo dell’arte, perché è riuscita a racchiudere in una tazzina l’espressione artistica di sei maestri e la più importante manifestazione d’arte contemporanea al mondo – racconta Cristina Scocchia, Amministratore Delegato di illycaffèIl connubio dell’azienda con l’arte contemporanea è nato trent’anni fa dalla volontà di rendere concreta l’idea della bellezza di illycaffè, per la quale chi assapora un espresso illy associa nel medesimo gesto l’aroma del blend unico e l’esperienza, visiva e tattile, della tazzina”.

LE SEI TAZZINE DI QUEST’ANNO:

Felipe Baeza
Per questa tazza, Felipe Baeza fa riferimento al suo lavoro Después de todo, solo estamos aquí una vez (2021) che è parte di una serie iniziata nel 2018, i cui primi lavori visualizzano un corpo ibrido – l’immigrato, l’interrazziale e il queer – che è costretto a occupare e ad adattarsi a molteplici spazi e forme e lo fa in modo innovativo e organico. Queste opere sono state ispirate dalla leggenda di Drexciya, spronandoci a riflettere sulle molte vite che si sono spente a causa della migrazione forzata, immaginando questi stessi individui che ancora prosperano attraverso forme diverse. Cercano inoltre di dare una risposta a domande con cui l’artista si confronta, ad esempio, “Troveremo mai una casa in questo luogo o saremo sempre alla deriva dalle uniche case che abbiamo conosciuto?

Giulia Cenci
Per rievocare l’origine di un bene così quotidiano come il caffè, per la sua tazza Giulia Cenci utilizza immagini poetiche legate alla campagna, capaci di suggerire sia l’idea di coltivazione che quella di un ciclo che termina per iniziarne un altro. Fotografie tendenti all’astratto di terra infuocata, brulicante, mista a cenere e fumo. La documentazione della conseguenza di un’azione che ha spesso luogo sulla superficie dei campi, per portare la terra alla rigenerazione, per pulirla da un cambio di coltivazione o dalle sterpaglie. Lavorando attraverso alcune fotografie sulla superficie del piatto, nasce uno scatto capace di suggerire movimento e dinamismo; gli smalti scuri e lievemente specchianti sulla tazza portano un riverbero dell’immagine sottostante.

Precious Okoyomon
Le enormi creature angeliche a forma di fiore che si muovono tra le nuvole sulla tazza di Precious Okoyomon guardano in alto con i loro grandi occhi da cartone animato, esplodendo in fiamme, davanti a chi guarda la tazza prima di bere un sorso di caffè. Un verso della poesia dell’artista è sospeso nel cielo disegnato, ogni parola sollevata delicatamente dal vento: l’invocazione si rivolge direttamente al bevitore. Nella scritta fatta a mano dall’artista si legge “al culmine dell’ascesa / scoppio in una nuvola / il succo scorre giù / nella tua bocca”. La tazza celebra l’essenza miracolosa dei rituali quotidiani e del mondo naturale che ci circonda.

Alexandra Pirici
Con questa tazza, Alexandra Pirici ci invita a ricordare l’origine comune di tutti gli esseri viventi attraverso il segno di una pianta-uomo ibrida in cui una serie di impronte digitali si trasformano in foglie e viceversa, disposte lungo un unico stelo. Sebbene siano elementi visivi, queste tracce di corpi – immaginari fossili umano-vegetativi di un passato immaginario o di un possibile futuro – evocano anche una sensazione tattile. Quando la tazza viene utilizzata, il tocco reale della mano che la sorregge si sovrappone, in una giocosa stratificazione, alle foglie-impronte sottostanti.

Aki Sasamoto
Aki Sasamoto una volta ha scavato una buca profonda 7 piedi in un pavimento di cemento, attraversando in profondità il terreno vicino all’Oceano Indiano. Saltando su un trampolino fatto in casa, posizionato nella buca, il suo corpo scompariva e riappariva, attraversando l’orizzonte che separa i vivi dai morti. Mentre saltava, ripeteva: “Le persone con un’elevata elasticità si perdono nella vita. Le persone con bassa elasticità si annoiano nella vita. Quanto sei elastico?” Mentre si versa e si sorseggia un espresso dentro e fuori da questa tazzina, l’artista si chiede: “Quanto sarai avventuroso oggi?”.

Cecilia Vicuña
Per questa tazza Cecilia Vicuña utilizza un particolare di A fragment of Janis Joe (Janis Joplin and Joe Cocker), un suo dipinto a olio realizzato nel 1971. Nell’immagine l’artista vola completamente nuda verso il suo tavolo della poesia, elevata dalle stesse poesie che stanno per essere composte.

Dal 19 al 28 aprile la collezione sarà disponibile in anteprima esclusiva per l’Italia nel canale e-shop per i clienti loyalty, nei punti vendita monomarca (illy Caffè e illy Shop) e nello shop di Biennale Arte 2022, nei diversi formati:
6 tazze espresso € 136,00;
6 tazze cappuccino € 166,00;
2 tazze espresso € 51,00;
2 tazze cappuccino € 61,00
Dal 29 aprile la collezione sarà disponibile in tutti i negozi.

Condividi l'articolo

Leggi altri articoli