Tostato

Cosa dovrebbero sapere i torrefattori prima di rinnovare le loro macchine

Per la maggior parte dei torrefattori arriverà, prima o poi, il momento in cui dovranno aggiornare le proprie macchine. È uno step di cui non si può fare a meno, se si lavora in torrefazione, ma non è un processo privo di rischi

Che si tratti di acquistare una nuova macchina, ammodernare quelle vecchie o di trasferirsi in uno spazio più grande, può essere una delle fasi più entusiasmanti, ma anche ansiogene per qualsiasi attività di torrefazione. Non è infatti un’attività senza grattacapi e sorprese, per non parlare dei tempi potenzialmente costosi e spesso lunghi.  Ma con un’attenta pianificazione e collaudata preparazione, i torrefattori possono affrontare con successo il processo di rinnovamento o espansione delle proprie strutture e operazioni.

Quando è il momento “giusto” per aggiornare il proprio impianto di torrefazione?

L’installazione di una nuova configurazione può essere un progetto una tantum per alcuni torrefattori. Tuttavia, per coloro che desiderano espandere o razionalizzare le proprie attività, decidere di aggiornare strutture e attrezzature può essere un processo continuo. Naturalmente, qualsiasi nuova attività di torrefazione dovrà installare tutte le attrezzature e i macchinari necessari per tostare, macinare, confezionare e vendere il caffè. Allo stesso modo, quando alcune torrefazioni espandono le attività commerciali, spesso possono diventare troppo grandi per le loro attuali strutture. Dotarsi di una macchina più grande significa, in definitiva, che il torrefattore avrà bisogno di più spazio per conservare sia il caffè verde che quello tostato e potrebbe dover assumere più personale per far fronte all’aumento della domanda.

È importante, tuttavia, che i torrefattori siano in grado prevedere eventuali picchi di vendite prima che si verifichino, in modo da avere il tempo e il capitale per aggiornare attrezzature e macchinari prima che ne abbiano realmente bisogno. Collaborare con un produttore di tostatrici può aiutare in questo processo. Decidere di rivoluzionare la propria torrefazione in un momento in cui le vendite salgono non è una buona idea: si rischia di perdere tempo prezioso nello spostamento dei macchinari, e di far passare il momento di “up” senza concludere grandi compravendite.

Rinnovare un impianto di torrefazione: primi passi

Con così tanti step da considerare quando si aggiorna una torrefazione, è fondamentale che i lavoratori diano la massima priorità alle attività. In generale, una delle considerazioni più importanti è tenere conto di eventuali vincoli di spazio con la struttura attuale. Se, ad esempio, una torrefazione non è in grado di immagazzinare tutto il caffè verde in loco, è essenziale disporre di ampio spazio di stoccaggio, soprattutto se è probabile che gli ordini continuino ad aumentare. Un altro passo fondamentale nelle prime fasi del processo è considerare la progettazione e il layout della struttura rinnovata. Misurando le nuove attrezzature e macchinari prima che vengano installati, i torrefattori possono progettare uno spazio che semplifica il flusso di lavoro e migliora l’efficienza. Mappare il “viaggio” del caffè attraverso una torrefazione può anche essere un modo utile per progettare uno spazio di tostatura più ergonomico. Alcuni passaggi da considerare spaziano dal luogo in cui si pensa di conservare il caffè verde, al momentoin cui bisogner denocciolare i chicchi, oppure come verrà trasportato il caffè…insomma, tutti i processi che una torrefazione conosce bene ma che devono essere ripensati in una chiave più moderna e innovativa.

Una regola fondamentale: dare priorità ad attrezzature e macchinari

È necessario pensare a cosa è meglio per l’azienda. Pensare a come posizionare al meglio la macchina all’interno della struttura aiuta ad ottimizzare il consumo energetico, a ridurre le emissioni, garantire una manipolazione sicura dei prodotti, a proteggere le persone che lavorano nella torrefazione e, ultimo ma non meno importante, prolungare la durata della macchina. L’obsolescenza programmata non è solo un incubo per lavatrici e lavastoviglie: anche le macchine tostatrici rischiano di farvi cadere in questo tranello.

Una volta acquistata e installata una macchina per torrefazione, gli operatori del settore possono concentrarsi maggiormente su altri componenti chiave dell’attrezzatura che desiderano aggiornare. Ogni torrefazione avrà esigenze diverse, quindi lavorare a stretto contatto con produttori e distributori di apparecchiature può essere prezioso.

Inoltre, ridimensionare una torrefazione di caffè significa inevitabilmente che gli operatori potrebbero aver bisogno di più macinatori, o di più macchine per la tostatura, o anche di spazio aggiuntivo per l’imballaggio e la spedizione degli ordini. Calcolare bene tempi, costi e spazi è fondamentale per la buona riuscita dell’operazione!