Flash News

Parallelismi tra vino e caffè, al Teatro del Gusto di Napoli sono andati in scena i The Farmers 

Gli ambassador del caffè responsabile e naturale hanno fatto conoscere tutta la filiera, dal seme alla tazza. Il 5 e il 7 maggio sono andati in scena gli appuntamenti “fuori Teatro” con appassionati e ristoratori.

Al Teatro del Gusto che ha avuto luogo nella corte della Fondazione Foqus dei Quartieri Spagnoli da sabato 4 a lunedì 6 maggio, insieme a oltre cento produttori di vino sono stati protagonisti i The farmers ‐ Coffee Revolution Peopleun “movimento” culturale del caffè che sta attuando un vero e proprio cambiamento per rimettere al centro la storia delle persone che lo lavorano in modo etico, buono e socialmente responsabile. Il progetto è espressione di B.farm, l’azienda dei fratelli Samuele e Sandro Bonacchi che si occupa di seguire tutta la filiera del caffé, dal seme alla tazza.

Tra degustazioni, laboratori, masterclass, seminari e performance è stato possibile incontrare Sandro Bonacchi e Leonardo Maggiori per scoprire nei dettagli il parallelismo fra i due mondi agricoli del vino e del caffè attraverso il racconto della botanica, dei territori, delle tecniche di coltivazione e raccolta dei frutti, dei processi di lavorazione e trasformazione fino alla ricerca del flavore perfetto. Tra i caffè che sono stati presentati e fatti assaggiare in queste giornate abbiamo visto Finca Rio Colorado e il microlotto Dona Elda della Capucas Slow Food Coffee Coalition in Honduras.

Gli ambassador saranno protagonisti anche di un “fuori Teatro” per il pranzo di domenica 5 maggio presso Dialetti di vico Satriano dove allieteranno gli ospiti tra racconti, aperitivi e la preparazione di espresso provenienti da oltre 10 terroir. Martedì 7 maggio dalle 15.00 alle 18:00 il programma ha visto invece l’esclusivo appuntamento con i ristoratorile caffetterie e i locali del territorio Quando il caffè incontra la pâtisserie presso It’s caffetteria di via Monteoliveto 67, alla scoperta del metodo filtro, della filiera agricola, del sistema Ten e del gioco del flavore.

Al centro della filosofia di The Farmers ci sono il Paese, la regione, il produttore, la varietà, l’altitudine, il metodo di lavorazione, il rispetto per i lavoratori e l’ambiente. Tra caffè e vino le fasi della degustazione in fondo sono simili: esame visivo, olfattivo e gustativo ma sono ancora pochi i ristoranti, gli hotel e i locali di somministrazione che presentano carte dei caffè. Spicca su tutti l‘Aromateller, un vero e proprio sommelier del caffè, una figura nata per colmare le enormi lacune del mercato del caffè e rendere tutti più consapevoli sull’importanza della filiera.

E nell’introdurre parole come terroir, bouquet aromatico o cru si crea un collegamento al mondo del vino. Per entrambe le realtà si può parlare di vitigno o varietà (nel caso del caffè), a cui si aggiunge il lavoro di trasformazione fatto dall’uomo: la vinificazione o la tostatura. Il processo di lavorazione resta una parte determinante del risultato in tazzina proprio come lo è per il calice del vino.

I caffè di The Farmers non si limitano però all’espresso. Il filtro, per la sua estrema versatilità e per le sue caratteristiche organolettiche, può essere una grande opportunità per locali e ristoranti. Estratto a caldo ma anche a freddo può essere preparato addirittura davanti al cliente creando un momento di forte empatia e teatralità in sala. È un’ottima base per la miscelazione o per un aperitivo e può essere una bevanda che si apre al pairing con il cibo e diventare quindi un vero e proprio ingrediente.

The Farmers ‐ Coffee Revolution People avvicina ristoratori, baristi e consumatori al farmer che ha coltivato il caffè e trasforma i primi in nuovi ambasciatori. Lo slogan “buono e giusto dal seme alla tazza” racchiude in sé l’obiettivo di ottenere costantemente un prodotto d’eccellenza nel totale rispetto dell’ambiente e dei processi di lavoro, a ogni livello della filiera.  La Capucas Slow Food Coffee Coalition in Honduras è un network di comunità̀, esperti e produttori che si riconoscono intorno ai valori del loro manifesto: un caffè buono, pulito e giusto.