Liquido

Qualcosa sta cambiando tra il caffè freddo e i tempi d’estrazione

La tecnologia del cold brew sta cambiando rapidamente. Se prima serviva più di mezza giornata per preparare un caffè freddo, oggi tutta la pratica d’infusione è in mano a nuove macchine ipertecnologiche che preparano il cold brew in poche ore

Le bevande fredde al caffè sono ormai un punto fermo nei menu dei bar di tutto il mondo. Anche il caffè Specialty appare sempre più a seguire questo percorso e sembra proprio la tecnologia del caffè freddo oggi entusiasmi anche i tradizionalisti del caffè caldo. Con le nuove macchine in grado di estrarre i concentrati in poche ore, la preparazione del cold brew non richiede più 12 ore di preparazione e, all’interno di un mercato dinamico sempre incline agli andamenti altalenanti di domanda-offerta, la celerità è senza dubbio uno dei fattori che scatena l’interesse del consumatore.

Come è cambiata tecnologia del cold brew?

Il mercato del caffè freddo ha registrato un boom negli ultimi anni. Stime recenti prevedono che il mercato crescerà ogni anno di oltre il 22% nei prossimi tre anni, portando il suo valore totale a 1,35 miliardi di euro entro il 2027. Amato per il suo profilo aromatico morbido e meno acido, il cold brew viene tradizionalmente preparato lasciando in infusione il caffè macinato in un grande contenitore per un periodo compreso tra 12 e 24 ore. Con i recenti progressi nella tecnologia del caffè freddo, tuttavia, i tempi di estrazione sono stati notevolmente ridotti, il che ha rivoluzionato il settore del caffè freddo.

Hardtank, per esempio, è un sistema automatizzato per la produzione di cold brew da banco che ha vinto il premio come miglior prodotto della Specialty Coffee Association nel 2021 e nel 2022. Questo strumento utilizza un processo brevettato che fa ricircolare l’acqua e i fondi di caffè in un sistema chiuso automatico. L’intero processo richiede dai 20 ai 45 minuti e si traduce in un profilo aromatico più pulito. Le nuove tecnologie funzionano modificando le condizioni di produzione del caffè per aumentare l’efficienza di estrazione, il che consente tempi più brevi e meno faticosi. Le moderne tecnologie automatizzate influenzano anche il profilo aromatico finale, estraendo composti aromatici diversi rispetto ai tradizionali metodi di preparazione a freddo.

Adattamento e innovazione, due aspetti che il cold brew non può scindere

Per i baristi e gli operatori delle caffetterie, la nuova tecnologia cold brew aiuta sicuramente a migliorare il flusso di lavoro. Inoltre, questi sistemi avanzati richiedono solitamente meno spazio di stoccaggio e sul bancone. Tuttavia, utilizzare queste macchine significa modificare diverse variabili chiave, come la dimensione della macinatura, il rapporto acqua/caffè e, ovviamente, il tempo totale di erogazione. I baristi devono anche sperimentare ricette diverse per ottimizzare l’estrazione e personalizzare i profili aromatici. D’altrocanto, molti professionisti desiderano comodità in ogni aspetto del loro lavoro e uno dei modi migliori per raggiungere questo obiettivo è attraverso l’automazione. Le attrezzature più avanzate per la produzione di caffè freddo possono certamente soddisfare questa richiesta, soddisfacendo il bisogno di velocità con quello di qualità, e producendo quantità di caffè più grandi in un arco di tempo molto più breve.

Che dire invece delle limitazioni del cold brew?

I nuovi modi innovativi per produrre il caffè freddo offrono numerosi vantaggi. Considerando però che la tecnologia è ancora relativamente nuova, questi sistemi pongono anche alcune sfide. Il limite principale è il costo, per ora. Col tempo, però, queste macchine diventeranno più economiche e la principale barriera all’ingresso non sarà più il costo ma la dimestichezza del barista con gli strumenti.

La formazione del barista è un altro fattore chiave da considerare quando si utilizzano queste nuove macchine. Come per qualsiasi nuova attrezzatura per bar, è necessario implementare formazione e procedure adeguate. Tuttavia, manuali e app possono essere d’aiuto in questo, e molte nuove macchine per la preparazione di caffè freddo non richiedono ancora conoscenze e competenze specialistiche per utilizzarle.

Condividi l'articolo

Leggi altri articoli