Liquido

Flash Brew…quanto ne sappiamo?

Quando pensiamo al caffè freddo, certamente non pensiamo al Flash Brew, ma in altri paesi questa bevanda è famosa da almeno sessant’anni. Scopriamola insieme!

Oggi, quando la maggior parte delle persone parla di caffè freddo, in genere viene in mente prima di tutto un caffè con ghiaccio, o una bevanda take-away con un po’ di caffè, tanto latte e una quantità spaventosa di ghiaccio. Ma già negli anni ’60, in Giappone, la gente si godeva un tipo completamente diverso di bevanda fredda al caffè: il caffè freddo giapponese, noto anche come Flash Brew.

Tuttavia, fu solo tra la fine del XX e l’inizio del XXI secolo che questa bevanda iniziò a diventare popolare anche negli Stati Uniti e in Europa. Da allora, il Flash Brew ha avuto un ruolo fondamentale nella diffusione del caffè freddo, a partire dalla preparazione.

Potrebbe interessarti anche: Cold Brew, a che punto siamo?

I fondamentali da sapere sul flash brew

Per prima cosa il Flash Brew, o il caffè freddo giapponese, è un concetto è semplice. Questa bevanda è preparata mantenendo lo stesso rapporto tra acqua e caffè, ma una parte del peso dell’acqua viene congelata come ghiaccio. Il ghiaccio viene posizionato nel contenitore sotto il gocciolatore, mentre l’acqua rimanente viene riscaldata alla temperatura di infusione desiderata e utilizzata per preparare una sorta di miscela di caffè concentrato. Ciò si traduce in un caffè caldo per un breve momento prima di un rapido raffreddamento, il che consente sapori più sfumati in tazza. Come per la normale preparazione con filtro, è importante seguire una ricetta specifica.

Ricetta per la preparazione istantanea

Ecco una ricetta per la preparazione flash frew utilizzando 30 g di caffè, che produrrà circa 500 g di bevanda (abbastanza per due tazze).

Ingredienti e strumenti

  • 30 g di caffè 
  • 325 ml di acqua, riscaldata tra 90°C e 96°C
  • 175 g di ghiaccio
  • Versare sul gocciolatore
  • Carta da filtro
  • Server o caraffa con una capacità superiore a 500 ml
  • Bollitore
  • Macinino
  • Timer
  • Bilancia

Istruzioni:

  1. Pesare il caffè e macinarlo medio-fine. Il caffè dovrà essere più fine del normale per essere versato, poiché utilizzerai meno acqua.
  2. Far bollire l’acqua e carica il ghiaccio nel server o nella caraffa.
  3. Posizionare il filtro nel gocciolatore e risciacqualo con acqua calda. Tuttavia, non direttamente, poiché il ghiaccio si scioglierà.
  4. Mettere il ​​caffè macinato nel gocciolatore.
  5. Saturare il letto di caffè con l’acqua (da 60 ml a 90 ml) per 30-45 secondi.
  6. Riprendere a versare in cerchi concentrici, riempiendo per fasi. Versare lentamente, cercando di raggiungere il peso totale in circa 2 minuti.
  7. Smaltire il filtro e il caffè, quindi servire e gustare.

Sapori e aromi del Flash Brew

Proprio come con il caffè filtro, è importante sperimentare la ricetta e personalizzare tutte le diverse variabili di preparazione. C’è chi dice che la vera bellezza del caffè freddo in stile giapponese risiede nel suo potenziale di sperimentazione, perché è davvero possibile personalizzare la ricetta in ogni sua forma. Poiché si prepara con acqua calda, c’è molta più energia rispetto alle preparazioni a freddo, e si ottengono quindi note aromatiche più complesse. Questo è il motivo principale per cui il profilo aromatico di un caffè cold brew è più morbido e dolce, mentre il Flash Brew mantiene la sua acidità e brillantezza.

La scelta del caffè giusto

Per la preparazione veloce, è meglio preferire il caffè fruttato o floreale con un’acidità brillante, ma c’è anche chi preferisce qualcosa di più dolce con sapori di cioccolato e nocciola. In generale, è una buona idea iniziare con quello che si ha in casa ed esplorare una gamma di caffè per ogni nuovo metodo di preparazione. Il caffè freddo giapponese è una preparazione che richiede sperimentazione e inventiva, al di là delle ricette che si possono trovare online.

Flash brew oggi, tra dubbi e certezze

Sebbene il Flash Brew sia certamente più conosciuto oggi rispetto a qualche decennio fa, non è così ampiamente offerto dalle caffetterie specializzate come ci si potrebbe aspettare. Tuttavia, può essere un’ottima aggiunta al menu di un bar e può aiutare a incoraggiare i bevitori di caffè a esplorare nuovi sapori.  Oggi, nel mercato globale del caffè, il Flash Brew non è così importante come ci si potrebbe aspettare, essendo il cold brew ad aver preso il comando. Tuttavia, il suo metodo di preparazione unico fa sì che spesso abbia un profilo aromatico più brillante, più pulito e più aromatico. È facile e veloce da preparare e, se diventasse più popolare, potrebbe sicuramente diventare uno dei caffè estivi preferiti dal pubblico. Resta però da vedere se ciò avverrà o meno.